Genitore figlio trekking montagna
  • arrampicata
  • bambini
  • climbing

17 Maggio 2021

Piccoli esploratori crescono: ecco cosa non dimenticare nello zaino per il trekking!

Frequentare la montagna da genitori, con i bimbi piccolissimi genera solo effetti positivi: toccare con le mani e osservare con lo sguardo le forme e i colori, il passaggio delle stagioni, gli animali che la popolano, crea un percorso di scoperta e di apprendimento talmente ricco da non trovarlo in nessun manuale!

A noi genitori spetta un ruolo fondamentale: quello organizzativo!

Spetta a noi, mamme e papà, vincendo anche piccole pigrizie e piccole fatiche organizzative, decidere se offrire ai nostri figli la scoperta della natura, con tutte le sue sfumature.

La soddisfazione per le esperienze emozionanti che possono compiere i nostri piccoli esploratori in montagna è enorme! 

Noi adulti, con qualche accorgimento organizzativo, possiamo rendere questo percorso indimenticabile.

Ecco come preparare lo zaino da trekking per i neonati o i bambini piccoli

In montagna gli aspetti pratici sono fondamentali e vanno pensati in anticipo, per far si che la giornata sia davvero piacevole per tutta la famiglia! 

Frequentare la montagna con i bambini piccoli ti insegna a portare con te quello che è davvero necessario. Il peso dello zaino infatti è un elemento da non sottovalutare. 

Se avete un neonato con voi, sicuramente non mancheranno i pannolini puliti, le salviette, un cambio, il cappellino e la crema solare. Per cambiare il pannolino basterà stendere un telo sul prato o su una panchina: ai bambini piace molto essere cambiati all’aria aperta e si distraggono più facilmente! Ricordatevi sempre che tutti i rifiuti (compreso il pannolino sporco) si rimettono nello zaino e si riportano a valle.

Nello zaino da trekking a prova di famiglia non mancano mai cerotti, occhiali da sole, il ciuccio e un repellente per insetti. 

Il mio consiglio è di scegliere un repellente anti zecche: negli ultimi anni, il clima caldo ha fatto aumentare le zecche anche in montagna e il pericolo è rappresentato proprio dal loro morso.

Solitamente bisogna prestare attenzione nei luoghi dove vi sono animali e nei boschi umidi e ombreggiati al di sotto dei 1500 metri di altitudine.

È importantissimo portarsi sempre dietro delle merende, degli snack per i bambini, un pranzo leggero da avere sempre disponibile in caso di necessità. Nel nostro zaino da trekking non mancano mai cracker, barrette di cioccolata, frutta fresca frullata, succhi di frutta e l’acqua. Preferiamo portarci dietro le bottiglie in acciaio e ricaricare l’acqua nelle fontane durante il sentiero (ovviamente informatevi sempre prima di partire che ciò sia possibile).

In montagna il tempo può cambiare molto repentinamente ed è fondamentale con i bambini non farsi trovare impreparati. 

Un ottimo equipaggiamento per lo zaino da trekking con i bambini comprende un cappellino di cotone più pesante, un cappello o una bandana per il sole, un guscio impermeabile che protegga dalla pioggia e dal vento, un piumino leggero se si ha intenzione di salire in quote elevate (sui 2000 metri).

Con i bambini piccoli, le cose da avere nello zaino da trekking non sono poche ma con i giusti accorgimenti si può evitare di portare con se troppo peso! L’importante è essere sempre attrezzati e non sottovalutare mai la giornata in montagna.

Chiara Borioni
Mamma con caschetto